Wir verwenden Cookies, um die Benutzerfreundlichkeit dieser Webseite zu erhöhen (mehr Informationen).

Italienische Verteilschriften

 Share

Christian Kutsch

La svolta definitiva

Ständig wollte er etwas erleben, bloß nichts verpassen. Bereits im Teenie-Alter fing er an, nach Erfüllung im Leben zu suchen. Diese meinte ich in Kneipen, auf Partys und in Diskotheken zu finden.

Eines Abends entdeckte er im Alter von 17 Jahren in seinem Bücherregal eine Bibel, die er in der Schule im Religionsunterricht bekommen und begann darin zu lesen. Dann kam der Tag, an dem sich sein ganzes Leben veränderte

Dieses Traktat eignet sich besonders gut zur Weitergabe an suchende Menschen!

6 Seiten, Best.-Nr. 45-13, Kosten- und Verteilhinweise | Eindruck einer Kontaktadresse


La svolta definitiva
Così ricevetti una nuova vita

Ero alla continua ricerca di nuove avventure. Non volevo perdermi nulla della vita. Fin dalla mia adolescenza iniziai a cercare di avere una vita piena. Ero convinto di trovarla nei Pub, nelle feste e nelle discoteche.

Quei luoghi bui con le loro luci particolari, la musica a tutto volume e la gente che ballava avevano un certo fascino per me. Così ogni fine settimana iniziai a frequentare questi luoghi e, a volte, rientravo a casa solo la mattina seguente. Non vedevo l’ora che arrivasse il prossimo fine settimana per poter stare di nuovo con quelle persone. La mia vita trovava il suo senso, solo in quei giorni.

Nel frattempo feci una formazione professionale come artigiano. Trovai inoltre un grande piacere nel fare la patente. Volevo essere indipendente e godermi la “vera libertà” ed ero convinto, che fino a quel punto, l’avessi già gustata interamente.

  • Ma è solo questo quel che ci riserva la vita o c’è qualcosa oltre?

All’età di 17 anni scoprii una Bibbia nello scaffale della mia camera che avevo ricevuto a scuola. Per curiosità iniziai a leggerla e questa divenne per me come una calamita. Ero consapevole, che la Bibbia fosse un libro particolare e così iniziai a leggerla ogni giorno, a  volte, anche più capitoli alla volta. Non mi fermai solo a leggere questo libro, ma iniziai anche a pregare.

Attraverso la lettura della Bibbia capì la differenza tra l’antico ed il nuovo testamento e non solo, ma capii anche il perché Gesù dovette morire sulla croce. Nessuno mi disse come pregare o leggere la Bibbia, quindi la lessi a modo mio.

Alcuni cercavano di convincermi, che la Bibbia non potesse essere la parola da Dio, solo perché  era stata scritta da uomini ma la loro opinione era per me indifferente, perché questa gente non l‘aveva mai letta. Sapevo solo, che questo libro mi aveva convinto.

Percepivo attraverso la lettura della Bibbia un cambiamento nella mia vita, ma non sapevo di concreto cosa fosse. Non riuscivo neanche a classificarlo, ma ero comunque consapevole, che un grande cambiamento era imminente. Dopo quattro anni di lettura biblica iniziai a riflettere sulle parole di Gesù, in particolare le seguenti: “Chi avrà trovato la sua vita la perderà; e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà” (Matteo 10, 39).

Cosa intendeva dire Gesù con questa affermazione? Dovevo forse cambiare la mia vita? Non potevo continuare a vivere solo per i weekend? Non andava bene la vita che stavo conducendo? Queste domande mi fecero riflettere molto.

  • Poi arrivò il giorno in cui la mia vita cambiò completamente.

Nella Bibbia lessi che Gesù venne crocifisso. A quel punto fu tutto chiaro per me. Gesù aveva lasciato la sua maestà e venne sulla terra. Fu tradito, maltrattato e picchiato. Si fecero beffe di lui e lo disprezzarono a tal punto da farlo crocifiggere. Gesù subì dei dolori tremendi. Con l’atto della croce, prese su di se’ i peccati di tutta l’umanità. Attraverso la crocifissione si caricò della punizione che aspettava all’umanità, cioè noi, a causa dei propri peccati. E tutto ciò nonostante lui non avesse mai fatto nulla di male o, a dire il vero, non avesse mai peccato. Tutto ciò mi colpì dritto al cuore. Riconobbi, che Gesù lo fece anche per me personalmente.

Ripieno di tristezza per aver vissuto tutto questo tempo senza Gesù e per averlo disprezzato con il mio stile di vita, mi inginocchiai e riconobbi di essere un peccatore. Chiesi a Gesù il perdono per le mie colpe e gli affidai la mia vita. Da quel punto in poi, solo lui avrebbe occupato il primo posto nella mia vita. Gesù udì la mia preghiera e mi diede da quel momento una nuova vita. Tutti i peccati, che mi separavano da Dio furono perdonati.

La Bibbia dichiara questa esperienza come un ravvedimento. Ne parla in vari versetti come ad esempio in Atti 26, 28: “…per aprire loro gli occhi, affinché si convertano dalle tenebre alla luce…”. Il 20.06.2001 fu per me il giorno in cui decisi di donare a Gesù, il Re dei Re, il dominio su tutta la mia vita. Da quel momento ho la vera vita, una vita con valori eterni! Si tratta di una vita con una relazione speciale, cioè con il creatore dell’universo: Gesù Cristo, colui che riserva il meglio per me.

La mia vita adesso ha un vero senso attraverso Gesù. Sono diventato una nuova persona con dei nuovi traguardi per la vita. Il mio desiderio è che Gesù si usi di me, affinché altri possano conoscerlo. Tu che opinione hai riguardo Gesù Cristo?

Christian Kutsch

Bibelkurs - Zu Jesus kommen
Das große Dilemma Wissen Sie, dass die Probleme unserer Zeit nicht neu sind, sondern eine lange... mehr  
Glauben
Glaubst du nur oder lebst du schon? Ein Scheinarzneimittel – oder Placebo – kann keine Krankheit wegnehmen.... mehr  
Fragen über Jesus Christus
Glauben Sie, dass Jesus von einer Jungfrau geboren wurde? Das Wunder der jungfräulichen Geburt Jesu Christi hat viele Menschen verwirrt... mehr